Gres porcellanato e igiene

IMG_gres

Gres porcellanato e igiene

Da qualche anno ha preso piede l’abitudine, motivata forse da una maggiore praticità d’uso, di posare come pavimento il grès porcellanato che resiste ad attacchi sia acidi sia alcalini e si pulisce facilmente. La “moda” ha inserito sul mercato alcuni tipi di grès levigati e lappati che sono bellissimi a livello estetico e ugualmente resistenti alle macchie e alle varie sostanze. Alcuni di questi necessitano però di una piccola accortezza che va tenuta in considerazione subito dopo la posa ed in particolare dopo la stuccatura (soprattutto se eseguita con prodotti a base di resine o colle). Tra parentesi, la stuccatura deve essere eseguita con particolare attenzione soprattutto nelle zone di alto traffico per evitare accumulo di agenti patogeni all’interno delle fughe che poi verrebbero facilmente a contatto con le attrezzature delle pulizie senza però essere completamente rimossi. Niente di complicato, ovvero basta lavare il pavimento tramite opportuni prodotti e dischi che permettono di eliminare ogni residuo della stuccatura delle fughe o commenti impedendo allo spreco di ancorarsi ad eventuali residui di stuccatura che potrebbero rimanere dopo la prima pulizia dei posatori. Questa operazione si rende ancora più necessaria in ambienti come cucine dei ristoranti o alberghi, bar e altre zone ad alto traffico pedonale per facilitare la pulizia e mantenere ovviamente un’igiene migliore. L’operazione darà benefici anche a livello estetico, anche perché alcuni tipi di gomma sotto le suole delle nostre scarpe tendono a essere facilmente rilasciati creando delle righe nere sulla superficie. Esistono poi dei prodotti specifici che grazie alle nano tecnologie oltre a una profonda pulizia rilasciano delle sostanze che ostacolano l’ancoraggio dello sporco non solo sul grès, ma su una vasta gamma di superfici ruvide o porose.